Pubblicato il

Da HOMI a Maison & Objet: i Saloni della Casa

Settembre è il mese delle fiere. Chi opera nel settore del design e del complemento d’arredo avrà certamente segnato in agenda due date, quella di HOMI e quella di MAISON & OBJET.

Fiere Nazionali Internazionali

Entrambe hanno come denominatore comune il pianeta casa, ma il primo Salone si svolge a Milano presso il polo fieristico di Rho e il secondo a Parigi nel centro congressi di Nord Villepinte.

Di cosa si tratta potrete scoprirlo direttamente sui rispettivi siti mentre io, invece, vorrei raccontare in breve la mia prima visita a queste fiere, un mondo fino al 2009 completamente sconosciuto.

Srotolando lentamente il nastro dei ricordi mi fermo proprio a quell’anno,  l’anno del grande salto nel buio o meglio l’inizio della mia avventura nella giungla del commercio.

Prima della trionfale apertura di quello che sarebbe stato per sei anni il mio negozio, La Corte Fiorita, decisi di fare i primi acquisti proprio a Parigi.

Con un certo anticipo prenotai il volo da Pisa e dopo un paio di mesi, quasi senza neanche accorgermene, mi ritrovai nella capitale francese. Non stavo più nella pelle, ero a Parigi per il mio primo viaggio di lavoro. Non semplice, a pensarci bene, perché dovevo investire una somma di denaro, valutando attentamente il rapporto qualità/prezzo.

Chi lo aveva mai fatto prima? Io, che le volte che mi innamoro di qualcosa, fortunatamente sono davvero poche, non baderei a spese. Mi ricordo ancora perfettamente il momento in cui entrai, con il catalogo degli espositori in mano, al primo padiglione a Nord Villepinte.

I miei occhi iniziarono a girare come trottole impazzite. Mi sentivo come una bambina quando entra in un negozio di giocattoli. Una miriade di luci e candele, sfilate interminabili di porcellane finemente decorate e tovaglie damascate, quadri e conchiglie a coronare magnifici allestimenti scenografici.

MaisonetObjetParigi

Un viavai di persone scorreva davanti ai miei occhi, uomini dal fascino misterioso con turbante, donne con abiti signorili e lo sguardo fiero si aggiravano quasi danzando tra uno stand e l’altro. Quello fu indubbiamente l’anno migliore, l’anno della novità, l’anno in cui la crisi sembrava concedere ancora un briciolo di speranza, l’anno in cui potevo ancora osare senza essere costretta a mettere il lucchetto al portafoglio.

HOMI Milano

La prima volta a HOMI, io l’ho conosciuto con il vecchio nome Macef, è stata differente. A dire la verità la ricordo un po’ come un incubo. Il tassista che mi fece fare un giro interminabile alla ricerca di un albergo che pareva inesistente per riportarmi alla fine, innervosito lui e sfinita io, al punto di partenza. Il bello è che dovetti anche pagare quel viaggio a vuoto. Quindi la giornata non iniziò sotto i migliori auspici.

Ovviamente è un Salone ben strutturato, negli anni si è evoluto, ha tenuto il ritmo, adeguandosi ai tempi, agli stili e alle nuove tendenze ma non ha ancora appreso appieno la tecnica di coinvolgere, creare e stimolare emozioni nell’arte di arredare uno spazio che sia piacevole da vivere purché sia sempre pronto ad accoglierci e a proteggerci.

HOMI Milano

In questo dobbiamo proprio ammettere che Parigi è ancora un passo avanti. Alla prossima!

Maison et Objet Parigi

Pubblicato il

Maison et Objet, Settembre 2015, Parigi

Da diverso tempo mi ero ripromessa di tornare a Parigi, non tanto per visitare la città, peraltro splendida, ma per un breve tour esplorativo a Maison et Objet, uno dei saloni internazionali più importanti dedicati alla casa e al complemento d’arredo, che si svolge due volte all’anno, nella prima decade del mese di settembre e di gennaio. Un appuntamento imperdibile per tutti coloro che operano nel settore del design, lifestyle e home living. Scenario ideale per conoscere le nuove tendenze, sperimentare con l’ innovazione e osare facendosi trascinare dall’ispirazione.

image

Appena entrata da uno dei tanti ingressi mi è sembrato per un attimo di ripercorrere un viaggio a ritroso e tornare rapidamente al 2009, l’anno in cui la mia avventura professionale ha preso forma e identità, La Corte Fiorita appunto. Mi sono aggirata tra gli stand di alcuni dei miei primi fornitori, oggi marchi di consolidato successo, ho constatato a malincuore la scomparsa di altri e conosciuto nuove interessanti realtà. Mi sono resa conto anche come il mondo del living sia in costante evoluzione. Mobili decapati oppure rifiniti con patine delicate stanno ormai scomparendo per essere soppiantati da soluzioni d’arredo in legno naturale abbinate sapientemente con complementi di stile diverso, dal vintage all’etnico passando anche dal fastoso Hollywood Regency, ultimamente di gran moda.

Eichholtz Inspiration Book Volume 4

Eichholtz Magazine 2015

Versmissen Collezione 2015Maestosi lampadari con gocce di cristallo, sottili catene metalliche e rifiniture in nickel dorato assurgono a veri e propri oggetti decorativi, creando anche uno scenografico effetto architettonico.

image

Non più semplici e anonime pareti imbiancate ma decori murali dallo stile unico e dal forte impatto visivo. Carte da parati in un’esplosione di colori cangianti, riflessi metallici e pattern geometrici sono la tendenza creativa del momento. Traspare un’evidente volontà di personalizzare e conferire uno stile inconfondibile agli spazi, appendendo magari al muro non solo quadri, foto, incisioni ma anche collezioni di oggetti insoliti, ricordi di viaggio oppure utilizzare lettere di forma e materiale diversi, come elementi di design, combinate insieme per trasmettere un messaggio o dare forza e visibilità a una sola parola.

image

Posizionare lettere con lampadine a led su una parete dalle tonalità scura conferisce un’aurea poetica all’intero ambiente dal leggero sapore retrò.

Lettering DesignClassico e moderno, decorazione e design sempre più frequentemente si incontrano e si mescolano per creare uno stile abitativo sempre più evoluto e sofisticato nel nome della funzionalità e versatilità. Con stupore ho notato anche come la tassidermia sia tornata di grande popolarità. Riconosciuta a tutti gli effetti come disciplina artistica in epoca vittoriana, oggi è di nuovo molto in voga come elemento di decoro, una forma d’arte che celebra l’unicità. Anni fa,  quando vidi decine di animali impagliati nello stand di Pieter Porters mi sentii rabbrividire, essendo un’amante della specie animale.

Pieter Porters Ispirazioni d'Arredo

Questa volta l’effetto è stato diverso, oserei dire di contemplazione per la bellezza della natura. Mi rendo conto che vedere questi “oggetti” possa suscitare sensazioni contrastanti, attrazione e repulsione, vita e morte, decorazione e gusto decadente. Non è assolutamente di mia competenza valutare questa tendenza dal punto di vista etico. Nonostante ciò sono stata rassicurata dal fatto che tutti gli esemplari non vengono uccisi per tale scopo ma sono già morti per cause naturali.

Tassidermia nell'arredo

Tassidermia nell'arredoTra tutti loro sono rimasta affascinata dalle farfalle, inserite in cupole di vetro, per la bellezza dei colori delle loro ali e per il significato simbolico.

Tassidermia nell'arredo

Sono un augurio di buona fortuna, rappresentano la rinascita e la trasformazione verso qualcosa di migliore, di magico. La tassidermia ferma il tempo, rende gli animali immortali, consente di esporli in tutta la loro bellezza, facendoli prolungare metaforicamente il loro ciclo vitale. Può essere apprezzata oppure no ma è sconcertante come in realtà abbia diverse affinità con la chirurgia estetica, applicata agli esseri umani, per paralizzare in tutti i sensi lo scorrere del tempo e donare l’elisir di eterna giovinezza. Un tentativo spesso vano perché bisogna sempre ricordarci che è sempre meglio aggiungere vita ai giorni che non giorni alla vita. Parola non di un interior designer ma di un premio Nobel, Rita Levi Montalcini. Non so se è poco!