Pubblicato il

Christmas 2016: Ispirazioni e Tendenze (Parte 1)

Siamo ormai in pieno clima natalizio. Il mese di Dicembre è il periodo migliore dell’anno in cui chi è dotato di creatività ha a disposizione tutti gli ingredienti per realizzare progetti decorativi che possano risvegliare ricordi o accendere nuove magiche emozioni. La casa si fa teatro, si veste di luce e viene inondata di caldi profumi e melodie senza tempo.

Natale Ispirazioni e Tendenze

L’aroma indistinguibile di biscotti al pan di zenzero appena sfornati, il sentore resinoso dell’abete addobbato che sparge i suoi aghi dappertutto (a meno che non si scelga la versione artificiale, talvolta meno scenografica ma certamente più ecologically-friendly), nastri, candele e ghirlande si coniugano perfettamente in un’atmosfera fiabesca che incanta i bambini ma anche gli adulti. In tema di décor l’oro rosa, Rose Gold, è sicuramente tra i colori di tendenza del Natale 2016, da abbinare piacevolmente a nuance più iconiche come l’argento e l’oro giallo, per un effetto scenografico elegante e sofisticato.

Trend Color 2016

Il colore rosso mantiene, tuttavia, il primato assoluto accanto al bianco, che ricorda il candore della neve. Le tinte naturali stanno, nel frattempo, riscuotendo un grande successo. Sono quelle sfumature che richiamano le tonalità di elementi come il legno, le pigne e la corteccia.

Scandinavian Design

Materiale decorativo perfetto da legare, plasmare e intrecciare per realizzare anche decorazioni fai da te con innesti di stile nordico. Ogni casa racconta la propria storia e pretende un lifestyle su misura. Ciò che conta di più è l’armonia, l’equilibrio di forme, colori, suoni e profumi perché non si deve mai dimenticare che il Natale è prima di tutto un’esperienza sensoriale. Alla prossima!

Pigne, rami e corteccia

Le immagini dei quattro collage sono tratte da Pinterest.

Pubblicato il

In viaggio con papà per Londra

London Highlights

Ce lo eravamo promesso da tempo e, nonostante mille peripezie di varia natura, alla fine il viaggio si è concretizzato. Esattamente una settimana fa io e papà siamo volati a Londra, decidendo di tornarci insieme da quella prima volta che risale ormai a più di venti anni fa. Inutile stare qui a rimuginare su come le cose nel frattempo siano cambiate, io sia diventata adulta (forse ho azzardato un po’ troppo con il termine) e mio padre incanutito, leggermente imbolsito e con gli occhi perennemente sgranati alla Vito, come dico sempre io, ripescando il personaggio cult del film Ritorno a casa Gori. In occasione della ricorrenza del mio compleanno ci siamo voluti ritagliare alcuni giorni da trascorrere insieme, facendoci trascinare nell’incanto prenatalizio della capitale più cool del mondo.

London city map

Comunque, perché abbiamo scelto ancora Londra se ci eravamo già stati? Innanzitutto questa città è uno scrigno inesauribile di stimoli creativi. Ogni volta che torni, puoi sempre scoprire lati inediti. Ormai le mete più rinomate come Buckingham Palace, il Big Ben e i grandi musei li conoscevamo già, così abbiamo improntato questa seconda nostra visita, andando alla scoperta di autentiche “chicche” per veri intenditori. Quei luoghi particolari e insoliti che a un primo sguardo in una visita tradizionale potrebbero sembrare solo marginali. Ci siamo voluti immergere in una dimensione più reale, vivendo intensamente il luogo piuttosto che solo semplicemente vederlo. Proprio per questo abbiamo soggiornato in un grazioso appartamento dalla facciata in stile Regency nella famosa Abbey Road (al civico 3 si trova la sede di un famoso studio di registrazione, gli Abbey Road Studios, e la strada è anche il titolo e l’immagine di copertina del dodicesimo album dei Beatles), gentilmente concesso dalla signora Suzanna attraverso il sito ormai popolarissimo Airbnb, e ci siamo spostati da un quartiere all’altro rigorosamente a bordo dei bus rossi a due piani, i mitici double decker, uno degli elementi iconici di Londra per antonomasia. Quindi ci siamo mantenuti in allenamento con un saliscendi continuo, consentitoci grazie alla nostra preziosa e indispensabile Visitor Oyster Card (la carta ricaricabile, pensata espressamente per i turisti, per usare la metropolitana e i bus) sempre alla mano.

Airbnb London

Nell’arco della nostra breve ma intensa vacanza abbiamo girovagato per i mercati, trascorso un’intera giornata nell’East End multiculturale e alternativo, dove la street art sprigiona la sua creatività a tutto spray sulle facciate dei palazzi, e appagato la vista e l’olfatto al mercato domenicale di fiori in Columbia Road. Insomma ci sono sempre buoni motivi per cui a Londra vale la pena tornare ogni tanto.

Perché Londra è:

London name

Una città tentacolare con un’energia creativa unica. Cuore dell’Europa, internazionale, cosmopolita. Se sei qui arrivi prima su tutto e non ti annoi mai. In qualsiasi angolo ti trovi, quello che vedi è interessante. Una contagiosa voglia di cambiamento continuo regna ovunque. Puoi vivere attimi di incontrollabile felicità, aggirandoti tra i mercatini dei vari quartieri e magari incontrare Hugh Grant. Entrare nel tempio dello shopping di lusso dove puoi acquistare “dall’elefante allo spillo”, come dicono i suoi affezionati clienti. Fare una breve sosta e concederti il tradizionale afternoon tea tra teiere fumanti e il clangore melodioso dei cucchiaini, deliziando il palato con scone farciti con panna e marmellata. Se per caso hai ancora la strampalata idea di andartene, da uno dei suoi sei aeroporti partono quotidianamente voli per ogni dove.

P.S.

Seguitemi nei prossimi post a caccia di quei luoghi fuori dai classici percorsi turistici per conoscere Londra meglio dei suoi abitanti. Almeno ci proviamo. Alla prossima!